Archive for metodo di studio

La Francia di Napoleone: una mappa concettuale

Nel file da scaricare, realizzato per gli alunni di terza, troverete la mappa concettuale che descrive le principali riforme realizzate da Napoleone una volta divenuto Primo console. Ricordo quanto ci siamo detti in classe: occorre studiare partendo dalle voci del primo livello (quelle immediatamente collegate al “Napoleone” centrale) e solo successivamente aggiungere gli altri punti, che approfondiscono ciascun argomento.

Buon lavoro!

Share

Le scoperte geografiche: tre mappe concettuali

Come aiuto allo studio delle scoperte geografiche, propongo agli alunni di seconda tre mappe concettuali tratte dal sito “studio in mappa“, che vi suggerisco di visitare. Il sito è molto interessante e ricco di materiali che possono tornarvi utili non soltanto per storia, ma anche per le altre discipline.

Le mappe da scaricare riguardano (1) le cause dei viaggi e delle scoperte geografiche; (2) i principali viaggi di esplorazione e scoperta; (3) le conseguenze delle scoperte. Sono in un unico file in formato .doc (quello di Word), quindi potete anche modificarle a vostra utilità. Buon lavoro!

Share

La civiltà araba


Quella che vedete qui sopra è una possibile versione della mappa concettuale sulla civiltà araba che abbiamo realizzato oggi in prima (cliccando sull’immagine se ne apre una versione più grande). Il programma che ho utilizzato per disegnare la mappa si chiama Inspiration: potete scaricare qui la versione di prova (è tutto in inglese).
Se invece volete scaricare la mappa in formato pdf, cliccate qui.

Share

>Tempo di studiare!

>

Eccovi le due versioni del file per calcolare quanto tempo dedicate allo studio. La prima versione (pdf) è quella che potete stampare immediatamente. La seconda (xls) è per i più informatici: potete utilizzarla con excel o con il foglio di calcolo di OpenOffice, in modo da avere automaticamente il conteggio dei minuti totali.
(Se avete problemi a visualizzare o scaricare i file, provate a cliccare qui per il primo, qui per il secondo).

Share