Archive for 28/11/2011

Mito e storia: la guerra di Troia


Secondo la mitologia, la guerra di Troia fu causata da un litigio tra dee. Nel testo da scaricare (per la prima) trovate l’antefatto dell’Iliade, ovvero il racconto di come Elena di Sparta, moglie di Menelao, si innamorò di Paride e lo seguì a Troia. Per vendicarsi dall’affronto, Menelao convinse gli altri sovrani achei ad attaccare Troia, dando inizio al lungo conflitto che fa da sfondo alla storia dell’ira di Achille narrata nell’Iliade.

Il pomo della discordia e il giudizio di Paride

Per farsi un’idea più precisa dei fatti, però, occorre affidarsi agli storici e agli archeologi. Il documentario di History Channel che potete vedere qui sotto risponde a molte domande sulla storia della grande città di Troia e della guerra che la distrusse.

Share

I problemi dell’Italia unita

Dopo l’unità, il neonato Regno d’Italia si trovò ad affrontare una serie di problemi: il nuovo stato era formato da territori molto diversi tra loro, le finanze pubbliche erano dissestate, più di un italiano su quattro era analfabeta. C’era da dare una forma al nuovo Stato e un’identità al nuovo popolo, mentre occorreva creare una rete di infrastrutture efficiente e un esercito all’altezza delle ambizioni italiane.

La Destra storica, che governò il Regno d’Italia nei primi quindici anni della sua vita, tentò di rispondere a tutte queste questioni, individuando soluzioni a volte più riuscite, a volte meno. Le abbiamo riassunte in terza attraverso la mappa concettuale che potete scaricare liberamente in fondo a questo post. Metto inoltre a disposizione dei miei alunni due carte storiche: una sullo sviluppo della rete ferroviaria italiana dal 1861 al 1914; l’altra sul progredire dell’alfabetizzazione in Italia tra il 1871 e il 1911. Si possono scaricare solo con la password.

Share

Fiaba: la mappa concettuale

La mappa concettuale con le principali caratteristiche della fiaba: struttura della narrazione, personaggi ricorrenti, funzioni e tutto ciò che definisce questo genere di racconto.

Fiaba: la mappa concettuale.

Share

Il ragazzo con la bicicletta

Un po’ di materiali su “Il ragazzo con la bicicletta”, il film dei registi belgi Jean-Pierre e Luc Dardenne che vedremo con le terze nel cineforum di martedì.

Per farvi un’idea della storia (senza che vi si svelino troppe informazioni), potete leggere qualche recensione:

Questo è il trailer del film, seguito da alcuni brevi clip.

Share

Gli ambienti naturali

Per facilitare lo studio dei diversi ambienti naturali, una scheda riassuntiva di tre pagine realizzata assieme ai miei alunni di terza B. A loro ricordo che durante l’interrogazione è necessario anche saper localizzare i diversi ambienti sulla carta muta.

Scheda: gli ambienti naturali.

Share

Corso di latino 2011-12: quarta lezione

Nella quarta lezione di latino troverete il presente, l’imperfetto e il futuro semplice del verbo “sum” (essere). Dovrete imparare le varie forme a memoria, prestando attenzione alle desinenze personali che si ripetono sempre uguali e che ritroveremo nella coniugazione di tutti i verbi, non soltanto di “sum”.

Nella seconda parte della scheda troverete invece il dativo di possesso, una costruzione sintattica che probabilmente vi metterà in difficoltà. Vediamo chi di voi riesce a venirne a capo.

Come compito per mercoledì prossimo (oltre allo studio del verbo “sum”), in fondo alla scheda trovate otto frasi latine da tradurre in italiano e, piccola sfida, tre frasi italiane da tradurre in latino.

Corso di latino 2011-12: quarta lezione.

Share

Il Flauto Magico

Ieri pomeriggio in prima abbiamo visto e ascoltato assieme qualcosa di veramente particolare: “Il Flauto Magico” di Wolfgang Amadeus Mozart, nella versione a cartoni animati di Emanuele Luzzati e Giulio Gianini.

La storia raccontata in questa opera lirica, messa in scena per la prima volta nel 1791, è per molti versi una vera e propria fiaba: ci sono infatti un protagonista buono (Tamino), con il suo aiutante (Papageno); una principessa da salvare (Pamina) con tanto di madre malvagia (la Regina della Notte). E poi oggetti magici (il flauto del titolo, ad esempio) e diverse prove da superare per giungere al lieto fine che caratterizza normalmente le fiabe. Trovate qui un riassunto dettagliato della trama.

Tra i brani più celebri di questo singspiel (termine tedesco che descrive un genere di opera in cui si mescolano parti cantate a parti recitate), ci sono l’aria della Regina della Notte e il duetto finale tra Papageno e Papagena. Ve li propongo anche con i cantanti in carne e ossa: il secondo brano, soprattutto, è molto divertente (Papageno è un personaggio comico, come abbiamo visto in classe).

Share

Alessandro Manzoni: la mappa concettuale

Metto a disposizione la mappa concettuale su Manzoni che abbiamo utilizzato in questi giorni in terza B.

Share